martedì 21 novembre 2017

#AllAboutLips


MUSIC: Wolves, Selena Gomez
INSPIRATION: Soul meets soul on lovers' lips (P. B. Shelley)

Follow ME on Instagram – bettal81
#MEhashtagpost

mercoledì 13 settembre 2017

#pictures


MUSIC: Pyramid Song, Radiohead
INSPIRATION: There was nothing to fear nothing to doubt (Radiohead)

Follow ME on Instagram – bettal81
#MEhashtagpost

venerdì 8 settembre 2017

Non è che sei veramente cambiata?

Sì, ho una domanda aperta. Si tratta di quei quesiti provocatori che vogliono farti ragionare su te stessa. Ed eccomi qui, allora. Arrivo da un weekend intenso e complesso, dove tutto è ruotato attorno alla mia Principessa, che ha compiuto 3 anni. Ho dato il massimo per vederla felice e fare in modo che quel momento fosse tutto suo. Sono contenta perché credo d’esserci riuscita, nella misura in cui i suoi occhi non hanno smesso di splendere nemmeno per un secondo. Passa qualche giorno ed ecco che mi ritrovo davanti alla mia psicoterapeuta. Le dico di non riuscire a spiegarmi una serie di cose, specialmente il significato di alcuni sguardi. Lei mi fa, tranquilla: “Non è che certi occhi possano aver visto qualcosa di nuovo, e diverso, in te?”. So già che la risposta è sì. So già che dovrò riflettere a lungo per comprendere cosa c’è di realmente diverso in me. Ma una cosa è certa: so che sto cambiando e quello che inizio a provare mi piace davvero…

Yes, there’s an opened question in my head. It’s one of those challenging questions that make you examine yourself in deep. I came from an intense and complicated weekend, where everything was made for my little Princess, that turned 3. I made my best to see and made her happy. I think I did it, especially for the wonderful light I’ve constantly seen in her eyes. Some days after, I went at my psychologist studio. I told her I wasn’t able to understand some signs, especially some gazes. She simply told me: “Are you sure that those eyes couldn’t have seen something different in you?”. I know that the answer is “yes”. And I know I’ll reflect a long time to completely understand what’s really different in me. But one thing is sure: I’m changing and what I’m feeling is really good…

T-shirt, pants and sneakers: Nike
Shoulder bag: Gabs

MUSIC: Non Me Ne Frega Niente, Levante
INSPIRATION: Only I can change my life. No one can do it for me (C. Burnett)

giovedì 31 agosto 2017

#ShoppingTime

Zara tracksuit
H&M undershirts and underpants

MUSIC: Say Something, A Great Big World Ft. Christina Aguilera
INSPIRATION: Children are the anchors that hold a mother to life (Sophocles)

Follow ME on Instagram – bettal81
#MEhashtagpost

domenica 27 agosto 2017

Hidden track...

Sapete cosa sono le “tracce nascoste”? Sono quei brani non dichiarati fra quelli di un album, che si palesano solo minuti dopo che è terminata (solitamente) l’ultima canzone della tracklist. Negli anni queste tracce mi hanno sempre incuriosito parecchio, perché sono, a parer mio, la più autentica rappresentazione dell’album stesso. Spesso raccolgono l’essenza di quel lavoro in pochissimi minuti (a volte anche meno) ed in modo così efficace che se si dovesse spiegare l’album, beh, probabilmente basterebbe ascoltare solo quella “hidden track”. Scoprii la mia prima traccia nascosta in “Jegged Little Pill” di Alanis Morissette: s’intitolava “Your House” ed era una canzone a cappella, solo voce, meravigliosamente toccante. Sembrava che Alanis avesse sfogato tutta la sua rabbia nel resto dell’album per poi dire, alla fine, con una voce dolcissima: “Ok, ero furiosa, volevo buttar fuori tutto il veleno che avevo nel cuore, ma se mi vuoi io, in realtà, sono questo”. Ieri sera, tornando verso casa, mi sono imbattuta in una traccia nascosta nell’album “Ghost Stories” dei Coldplay. E lì, improvvisamente, ho capito che l’essenza delle tracce nascoste è la mia essenza. Se voglio capirmi per davvero, devo avere pazienza. Devo lasciare che la musica finisca e far sì che il silenzio mi circondi. Quando l’animo sarà finalmente placato, la mia vera musica uscirà fuori. Ed è a quel punto che chiunque mi troverà. Ed è così che svelerò quello che sono veramente.

Do you know what are hidden tracks? They’re songs you can’t find in the official tracklist of an album: they usually appear once the last song is ended. Hidden tracks always intrigued me, because, in most cases, they perfectly represent the real spirit of the album. In few minutes (or even less) they express the essence of the work, so you could just listen to them to understand the whole album. I discovered my first, hidden track in Alanis Morissette’s “Jagged Little Pill”: “Your House” is a “solo voice” song, incredibly touching. It seemed that Alanis had worked off her anger in the whole album and then, with a sweet voice, would have said: “Ok, I was furious, I put the poison out of me, but now I’m the real one; actually, I’m like this”. Yesterday evening, going home, I found a new, hidden track on the Coldplay’s “Ghost Stories” album. And I immediately understood that hidden tracks essence is my essence. If I want to understand me (or you want to do this), I need patience. I have to wait for the music to end and then listen to the silence. When the soul will be calmed down, my real music will start. And at that point everyone will find me. And that will be my real ME.

Dress: H&M

MUSIC: O (Hidden Track), Coldplay
INSPIRATION: The day you stop lookin’ back, is the day you start movin’ on (Thomas Rhett)

lunedì 7 agosto 2017

Limits

Nei giorni scorsi ho iniziato un nuovo percorso della mia vita, che non avevo mai intrapreso finora. Complice il brutto momento che ho vissuto, qualche mese fa mi sono appoggiata ad una psicoterapeuta. A volte è molto difficile dire che si ha bisogno di questo tipo d’aiuto, forse perché i nostri pregiudizi ci portano a pensare che quando si va dallo psicologo allora automaticamente si è matti. Per mia esperienza, e partendo dal presupposto che non sono assolutamente matta, parlare con queste figure ti permette di entrare davvero in contatto con la tua parte più nascosta. Come riescono a farlo? Ascoltandoti. Ma ascoltandoti per davvero. Diciamo che è come se si dialogasse ad alta voce con sé stessi. Il bello è proprio questo: quante persone di quelle che ci circondano sono davvero capaci di ascoltarci quando parliamo? Credo quasi nessuna. Perché la vita che viviamo, sempre più frenetica, sempre più ricca d’aspettative, sempre più bombardata di modelli ideali (e probabilmente irraggiungibili), crea una sorta di distacco fra le persone, distacco che si traduce in una sempre maggior tendenza a pensare quasi esclusivamente a sé stessi. Ecco, io arrivo dalla sponda opposta del fiume, quella delle persone che, in un modo o nell’altro, hanno sempre pensato agli altri, anteponendoli alla propria felicità. La nuova consapevolezza che sto acquistando rispetto a me stessa, però, mi ha portato a sentire la necessità di liberarmi. Liberarmi dei miei modi impostati (almeno in parte), liberarmi di molte paure, liberarmi di qualche limite. Liberarmi da una serie di tabù, acquisiti o indotti. I limiti d’ora in avanti saranno meno e, se ci saranno, vedremo di affrontarli con coraggio…

In the past few days, it’s started a new era in my life, never known before. Thanks to the bad moment I lived, some months ago I went to a personal therapist. Sometimes it’s difficult saying you need this kind of help, because you usually link it to a mental disease. In my experience, considering that I’m not mad, talking with these specialists help you to get in contact with your inner part, often hidden. How can they do this? Simply listening. And listening for real. Actually, it’s like you were talking with yourself. And the fantastic thing is this: how many people are really able to listen to you when you’re talking? I think almost no one. Because the life is always more chaotic, too full of unrealistic expectations, with many unattainable models, so it creates a sort of distance between people, that are always more concentrated on themselves. Well, I literally came from the other side, because I’ve always taken care of others before thinking about me. Now I have a different self-awareness, so I really need to set me free. No more perfect manners (at least in some cases). No more fears. No more limits. No more taboos, absorbed or generated. My limits will be less and, when they’ll happen, I’ll face them with bravery…

Dress: H&M
Shoes: Mengotti

MUSIC: Everglow, Coldplay
INSPIRATION: Se non scegli un sogno, sarà un sogno a scegliere te (Unknown)

#BustLift


MUSIC: Something Just Like This, The Chainsmokers & Coldplay
INSPIRATION: Power is like being a lady... if you have to tell people you are, you aren't (Margaret Thatcher)

Follow ME on Instagram – bettal81
#MEhashtagpost