giovedì 28 febbraio 2013

Beauty tips

Sì, lo ammetto: sono una fanatica del mondo beauty! Curare il proprio corpo è una buona routine per imparare a stare bene con sé stessi. E se il corpo si aiuta già molto partendo da una corretta alimentazione e un po' di sano sport, per il viso (che è comunque il nostro biglietto da visita) le possibili coccole sono molteplici.
In questi ultimi mesi sono diventata una fan sfegatata del marchio Shiseido, soprattutto per quanto concerne le creme. Buona norma per una pelle come la mia, che è mista, è detergere il viso prima di andare a dormire e la mattina appena alzati; a questo scopo, io uso una schiuma molto leggera, che aiuta semplicemente ad eliminare il sebo in eccesso. Dopo il lavaggio al mattino, passo sul viso un dischetto imbevuto di tonico, applico una crema contorno occhi (all'altezza dell'osso dello zigomo, non direttamente sull'occhiaia, e sotto l'arcata sopraccigliare, picchiettando fino al completo assorbimento) e di seguito la crema da giorno. Il passo successivo è l'applicazione del primer, che, con il suo contenuto di siliconi, offre una buona base per un trucco più duraturo (indispensabile per chi, come me, lavora lontano da casa tutto il giorno). Infine, si può passare al make-up vero e proprio, per il quale consiglio sempre di non perdere gli appuntamenti che le profumerie di fiducia, i saloni e i centri estetici offrono spesso alle loro clienti: in occasione di questi piccoli eventi, make-up artist o esperti del settore forniscono sempre ottimi consigli per il corretto utilizzo dei prodotti e soprattutto per imparare piccoli trucchi del mestiere che possono davvero fare la differenza. Se visitate la pagina Facebook di “Economia Domestica Secondo Susy”, promossa dal Salone Donna Più di Valdagno, che ha organizzato una serata in compagnia di un famoso make-up artist (Davide Balosetti Make-Up Artist), troverete qualche piccolo consiglio scaturito dalle 3 ore di lezione dello scorso 15 Febbraio. Se poi volete un suggerimento per una buona lettura, non perdetevi “Make it up con Dave”, il libro che Davide ha scritto sull'argomento: anche qui i consigli sono tutti ottimi e facilmente realizzabili!

Yeah, I have to admit it: I'm a big fan of the beauty universe! If you care about your body, it's a good routine to make you feel better. And if you can help your body with a correct diet plus doing a sport, for your face (which is your first “business card”) there are so many possible cuddles!
During these last months, I became a supporter of Shiseido brand, at least for face creams. A good rule for a skin like mine (which is a mixed one) is to clean it just awake and before going to bed; for this purpose, I use a soft foam that helps me to remove the sebum in excess. After this first cleaning step, I use (in order) the toning lotion, the anti-dark circles eye cream (to be applied on your cheekbones, not on your eye sockets, and below your eyebrows, tapping it with your fingers till the complete absorption) and the face cream. The subsequent step is the primer: with its high contents in silicone, it's the good base for a long-lasting make-up (and this is essential for people working far from home every day, like me). In the end, it's make-up time! I always suggest not to miss the beauty's appointments proposed by your favourite perfume shop, your hair salon or beauty salon: in these occasions, make-up artists or experts in the beauty field are available for suggestions and advices. Have a look at this Facebook's page, “Economia Domestica Secondo Susy”, launched by the hair salon “Salone Donna Più” in Valdagno (VI); this salon organized a meeting last 15th February with a famous make-up artist, Davide Balosetti Make-Up Artist, so on the Facebook's page you can see useful advices for a good make-up. If you want more, don't miss Davide's book, “Make it up con Dave”, where you can find a complete range of tips, easily feasible!


MUSIC: Vogue, Madonna
INSPIRATION: Le donne sono dotate di due armi formidabili: il trucco e le lacrime. Fortunatamente per gli uomini, non possono essere utilizzate contemporaneamente (Marilyn Monroe)

mercoledì 27 febbraio 2013

Mix & Match

Il post di oggi è dedicato all’arte di vestirsi in quelle situazioni in cui si deve prevedere sia l’outfit lavorativo che quello per la sera, senza poter fare una sosta intermedia a casa per il cambio d’abito.
Quando si devono affrontare giornate lavorative senza intermezzi, e magari alla sera bisogna cenare con clienti/fornitori/altro, è importante scegliere gli accessori che permettano di gestire al meglio il cambio, col minore sforzo possibile. Suggerisco sempre la scelta di una borsa abbastanza capiente (nelle foto, la viola è di Biasia, che ha uno spaccio a Dueville (VI) molto ben fornito, e l'altra è di Bagghy), nella quale possano starci delle scarpe con tacco (la classica décolleté nera è un must irrinunciabile). Abbiniamo accessori come un bel paio di orecchini brillanti, un bracciale di grandi dimensioni (quello nella foto è di Elisabetta Franchi) o un pendente lavorato. Scegliamo il classico tubino nero (belli e non troppo costosi sono quelli della linea Shee di Twin-Set) e sfruttiamo questo tip: per il giorno abbiniamo il tubino a calze nere+leggins, con sopra un bello stivale basso che consente le corse in ufficio; per la sera, basterà togliere i leggins, mettere da parte lo stivale, sfoderare la scarpa con tacco e voilà, il look elegante è servito! Nella vostra borsa capiente non dimenticate di mettere anche una bella pochette, in un colore in netto contrasto con l’abito o super colorata, così per la sera potrete utilizzare quella al posto del borsone-valigia (eh, sì! Alla sera la borsa dovrebbe essere piccolina…). Un suggerimento che vi posso dare, per non sforare troppo nel budget, è quello di chiedere in profumeria le pochette omaggio quando fate una spesa cosmetica di buon livello. Quelle inserite nelle immagini sono di Dior (questa è da profumeria e può benissimo fungere da borsetta da sera) e di Pinko. Per il trucco, nessun dubbio: portate sempre con voi un mascara e un gloss; se avete un po’ di spazio in più, dedicatelo ad un blush (colore salmone, albicocca o rosa se avete i capelli castani, mentre sui toni del mattone, del marrone e dell'oro se siete bionde). Infine, per coprirsi un bel trench è la scelta migliore, in quanto adatto sia nella situazione lavorativa che in quella della cena formale.
Baci, Elisabetta

Today’s post is dedicated to the art of dressing up when you have to deal with a double date (with no time for the dress change): during the day at work and in the night at a formal dinner (with Customers, Suppliers and so on). In these occasions, it’s essential choosing accessories that allow you to manage the change in the best possible way, with the minimum effort. First of all, your bag: choose a capacious one (in the pictures, the purple one is Biasia's – visit the well-provided outlet in Dueville (VI) – and the other one is Bagghy's), so you can put inside a pair of high-heel shoes (the classic black ones are a must!). Use showy accessories, like, for example, a pair of shining earrings, a big bracelet (the one in the picture is Elisabetta Franchi’s) or a precious pendant. Count on a classic black sheath dress (affordable solutions available with Scee's line on Twin-Set) and remember this tip: during the day, at work, match it with pantihose+leggings, using comfortable boots; later in the night, you can keep only the pantihose, take boots off, change them with high-heel shoes and voilà, the smart look is ready! In your spacious bag, always remember to put a nice clutch bag, preferably in a colour contrasting with the dress or multicoloured (the ones in the pictures are Dior’s, from a perfume shop, and Pinko's); in this way, during the night you can replace the big bag with the clutch (yeah, at night small bags should be mandatory!). If you want not to exceed your budget, here is a suggestion: when you go shopping in a perfume shop, if the sales clerk asks you for a free gift, please choose clutches. In many cases, these “clutches” are absolutely perfect as little bags! For the make-up, no doubts: bring with you mascara and gloss; only if you have some free space, also choose a blush (if you have brown hair, the right colours are pink, salmon and apricot; if you are blond, red, brown and gold shades are perfect). Last but not least, to cover up use a trench coat, always the best compromise between comfort and elegance.
Kisses, Elisabetta


MUSIC: La vie en rose, Grace Jones
INSPIRATION: Lavorare è meno noioso che divertirsi (Charles Baudelaire)

lunedì 25 febbraio 2013

A wonderful bride

Ebbene sì, l'argomento “sposa” è spinoso (perché assolutamente soggettivo), ma vorrei comunque dare qualche piccolo consiglio sulla base della mia (possiamo dirlo) recente esperienza.

Abito
Va scelto davvero di pancia: quando indosserete il Vostro lo sentirete immediatamente, non è una favola! Cercate di tarare lo stile in base anzitutto alla vostra corporatura: se siete longilinee, potete praticamente permettervi tutto; se invece siete corpulente, prediligete modelli dalle forme morbide, che sfilino la figura nei punti strategici (tipo sui fianchi). Portate alle prove la vostra mamma: è sempre e comunque il miglior specchio di voi stesse, perché capisce cosa vi sta davvero bene e cosa no. Ricordatevi che l'abito si indossa per un tempo piuttosto lungo, quindi cercate di dare ascolto alle sensazioni già dalla prova: se lo trovate scomodo, non diventerà magicamente comodo il giorno delle nozze. Scegliete l'abito che vi rende davvero voi stesse, non uno che vi trasformi in ciò che non siete. Abbinate all'abito un accessorio che sia una sorta di vostro marchio di fabbrica (una sciarpa, un gioiello vintage, un fermaglio fra i capelli), così che i vostri invitati possano dire “sì, è proprio lei”.

Acconciatura
Sulla base della mia personalissima opinione, l'acconciatura su un abito da sposa è d'obbligo. I capelli sciolti si lasciano per altre occasioni. Altra regola per l'acconciatura? L'abito comanda! Da buon consiglio della mia parrucchiera, se l'abito è semplice potete sbizzarrirvi con acconciature complesse, tutte ricci e capricci; se, invece, l'abito è molto lavorato e pomposo, cercate di orientarvi su acconciature più lineari, lisce, un po' in stile Audrey.

Trucco
La sposa non è una Drag Queen, tenetelo a mente! Scegliete un trucco che valorizzi i vostri punti di forza, non uno che vi trasformi in una maschera. E ricordate che se i festeggiamenti sono di sera, il trucco dovrà essere più marcato per risultare visibile, anche nelle foto.

Scarpe
Ci può essere chi proprio non ama il tacco, ma volete mettere il fascino di una figura slanciata, soprattutto per valorizzare un abito bianco e lungo? Sì sì, qui il tacco ci vuole. La scarpa d'inverno può essere chiusa o leggermente spuntata, mentre d'estate preferite sandali gioiello aperti che facciano respirare il piede durante il matrimonio.

Fiori
Scegliete una tonalità che faccia da filo conduttore; non mirate al “troppo”, ma piuttosto puntate sulla valorizzazione dell'altare (in chiesa) e scegliete forme di centrotavola (al ristorante) che gli ospiti, a fine festeggiamenti, possano portare a casa. Eleganza vuole anche dire non sprecare!

Organizzazione
Una sposa stressata è davvero pericolosa, per cui il miglior consiglio che posso darvi è “Keep calm and ask TE”!!! Visitate quindi il blog di True Event e chiedete consiglio alla mitica squadra formata da Arianna, Cristina e Roberta, anche solo per farvi aiutare in una piccola parte dei preparativi. Le ragazze dietro questo blog sono preparatissime: saranno le migliori complici nella riuscita del vero matrimonio perfetto!

I know: talking about “bride-style” is really difficult (because absolutely subjective), but I'd like to give some little tips due to my (let's say) recent experience in this field! :-)

The white dress
It's not a fairy tale: when you find The One, you can really feel it! I mean, the dress choose you, not the opposite. Try to follow your build when you choose a certain shape: if you're long-limbed, almost everything is affordable; on the contrary, if you're full-bodied, you should prefer “not-second-skin” dresses. Bring your mum with you when you try the dress: mums are always the best reflection of yourselves, so they're able to understand what really fits you or not. Always remember that you have to wear the dress for a long time, so please follow your sensations: I mean, if during the trial you find the dress uncomfortable, it won't be magically comfortable during the day of your wedding. Choose the dress that makes you feel yourselves, not anybody else. Try to match the dress with the accessory which is your trade-mark (a scarf, a vintage bijou, a hair clip), so your guests will think “yes, it's her: no doubt”.

Hairstyle
It's my opinion, absolutely, but the white dress fits better with a good hairstyle, not with long, free hair. Just another rule for hairstyle? The dress is your reference! My hairdresser told me this: if the dress is simple, you can indulge yourself in doing elaborate, curly hairstyles; otherwise, if the dress is sumptuous, you should prefer a basic hairdo, a little bit “Audrey-style”.

Make-up
A bride is not a Drag Queen: please remember this! Choose a make-up that values your strong points, not one that turns you into masks. And always remember that make-up should be more visible (also for the photo shoot) if the partying takes place in the night.

Shoes
I know that many women prefer low shoes for a matter of comfort, but the charm of a bride in heels, with a white, long dress, is undeniable. Yep, heels are compulsory! In winter you can choose closed or open-toe shoes, while in summer you should choose precious sandals, so your feet are free during the wedding!

Flowers
Choose a shade as leitmotif; “too much” is forbidden, so point to value the altar (in the church) and prefer flowering centrepieces (in the restaurant) that people can keep for themselves after the wedding. Elegance also means "no waste"!

Wedding arrangements
A stressed bride is really dangerous, so the best suggestion I can give you is “Keep calm and ask TE”!!! Visit True Event blog and ask Arianna, Cristina and Roberta for advices, even if you're interested only in some services. The girls beyond this blog are really experienced: they can be the best party to the perfect wedding!
 
 
 

Pictures taken by Elena and Roberta Cozza

MUSIC: Pachelbel Canon in D Maior, J. Pachelbel
INSPIRATION: Okay. Niente panico. Ce la posso fare. E' assolutamente alla mia portata.
(S. Kinsella, I love shopping in bianco)

domenica 24 febbraio 2013

Bracelets

Ed eccomi ad una delle mie più grandi passioni: i bracciali! Internet mi ha permesso di scoprire tanti siti interessanti e marchi poco conosciuti in cittadine piccole come quella dove vivo io: uno di questi è il brand “Li-Da jewelry”. Le due principali caratteristiche che distinguono i bracciali di Li-Da sono il colore e la diversità dei materiali utilizzati (si va dal metallo, ai cristalli, alla corda, fino alle pietre dure). Alcune creazioni si possono personalizzare in termini di lunghezza (per adattarsi alle esigenze di polso, ad esempio) e tutte sono uniche, con accostamenti di tonalità fluo pazzesche. Potete visitare l’universo “Li-Da jewelry” o su Facebook (digitando semplicemente Li-Da jewelry) oppure vedere i pezzi in vendita (che variano, in quantità disponibile e genere, a seconda del periodo) su LiDaConsiderando il prezzo (non certo a buon mercato: si va dagli 80 ai 120 €), cui vanno aggiunte le spese di spedizione di € 7 per ogni acquisto, esistono anche alternative convenienti che in qualche modo riproducono l’effetto dei gioielli di Li-Da. Proposte più “wallet-friendly” si trovano:
  • Sul sito di Topshop
  • Digitando Color Chain su Facebook; in questo caso, si tratta di una ragazza che crea da sola bracciali multicolori intrecciando stoffa e metallo; il costo viaggia attorno ai 15-20 € (a seconda del numero di catene), ovviamente con spese di spedizione da aggiungere.
Consiglio una visitina anche al sito di Minusey, interessante nei prezzi per quanto concerne la parte Jewelty: su questo sito, per ordini superiori ai $ 100 (dollari americani) la spedizione è gratuita in tutto il mondo.
Baci, Elisabetta

And here we are, with one of my passions: bracelets! Internet is useful to find a lot of interesting websites and unknown brands, especially if you live in small towns like the one I live in: one of these is “Li-Da jewelry”. The 2 main features of Li-Da bracelets are the colour and the different materials used (metal, crystals, rope, stones). Some of these creations are customizable (if you need to adjust them to your wrist) and all of them are unique, with crazy fluo-colours combinations. You can visit Li-Da universe on Facebook (searching Li-Da jewelry) or you can see goods for sale (different in terms of price and kind, depending on the time) on LiDa. Considering the price (not so cheap, variable from 80 up to 120 €), plus the shipping cost of € 7 per single purchase, you can find some cheaper options, similar to Li-Da bracelets. Here are some “wallet-friendly” choices:
  • Topshop website
  • Color Chain on Facebook; the girl beyond this page creates her own multi-colored bracelets, handmade with metal and fabric; the cost is between 15 and 20 € (depending on the number of chains), plus the shipping cost.
I also recommend a visit to Minusey, a website with very interesting prices in the Jewelry part: on it, for more than $ 100 orders, the shipping cost is free all over the world!
Love, Elisabetta


(from the left hand, top, clockwise: LiDa, Minusey, Color Chain, Topshop)

MUSIC: Adiemus, Karl Jenkins
INSPIRATION: Quel giorno una ragazza molto carina (Aborigena) si inoltrò in una macchia d’erba e ne emerse portando un bellissimo fiore giallo dal lungo stelo che si legò intorno al collo, in modo che la corolla le pendesse sulla fronte, simile a un prezioso diadema. Tutti le si radunarono intorno per dirle quanto fosse bella. Ricevette complimenti tutto il giorno e io intuii la sua felicità nel sentirsi più graziosa del solito […]. Quella sera nel deserto la ragazza della tribù depose a terra il fiore di cui si era adornata. Aveva svolto la sua funzione, lei gli era grata e avrebbe conservato come un tesoro il ricordo delle attenzioni che le erano state elargite quel giorno e che le avevano confermato la sua avvenenza. Non per questo, però, aveva concepito particolare attaccamento per l’oggetto in questione. Il suo gioiello aveva un significato, i nostri solo un valore economico. E’ proprio vero, conclusi, nel mondo c’è che determina il valore delle cose usando falsi criteri.
(Marlo Morgan, E venne chiamata due cuori)

ABOUT ME

Ciao a tutti!
Mi chiamo Elisabetta Angela Lovato. Sono nata in provincia di Vicenza, ormai 32 anni fa e mi occupo di Assicurazione Qualità in un’azienda vicentina che produce pannolini per bambini.
Ho deciso di aprire questo blog per condividere la mia passione per l’abbigliamento, gli accessori e tutte quelle cose che fanno parte del nostro modo quotidiano di mostrarci, per piacere agli altri e per piacere a noi stessi. Il blog nasce anche in risposta alla spinta di quelle persone che, nel corso degli anni, mi hanno sempre riconosciuto il gusto per l’eleganza e un buon occhio per i dettagli.
Non volendo, però, cadere nel banale (considerando i tanti blog che ultimamente si vedono in giro sull’argomento “moda”), mi sono proposta di creare uno spazio personale leggermente diverso dai soliti, nel quale poter condividere non solo la mia passione per l’universo fashion, ma dove poter anche mixare parti di me, come la musica, le ispirazioni (letterarie e culturali) e i viaggi.
Il nome del blog (abbreviato con ME) vuole infatti indicare questo: sì alla mescolanza, sì al dare una personale interpretazione dell’eleganza (soprattutto come modo di essere), ma sì anche alla volontà di aprire una porta su ME stessa, fondendo in una sola persona concetti diversi (anche l’abbreviazione porta a due universi distinti, racchiudendo le iniziali del mio nome e di quello di mio marito… ).
Spero che avrete voglia di seguirmi nel mio spazio cibernetico e mi auguro che questo bagno di “gusto” possa in qualche modo inebriare di vita anche voi!
Un abbraccio, Elisabetta


Hi everybody!
My name’s Elisabetta Angela Lovato. I was born in the province of Vicenza almost 32 years ago and I’m the person in charge of Quality Assurance in a small company producing disposable baby diapers.
I decided to open my blog just to share with people my passion for clothes, accessories and all the stuff which defines our daily way to show ourselves, both to look good and feel good. The idea of a blog also came in response to my friends support: during these last years they’ve always gave credit to me for my personal taste and my eye for details.
Duet to the fact that I don’t want to seem trite (considering all the blogs on the internet about “fashion”), I’d like to create a personal space a little bit different from the others; this blog would be the place where I can share with you my passion for Fashion, but also the place where mixing different parts of me, like, for example, music, inspirations (literary and cultural ones) and travels.
The blog’s name (shortened ME) means exactly this: to mix, to personally interpret “elegance” (as an attitude), but also to open a door onto myself, blending different ideas into the same person (the shortening itself is the union of two universes, because it contains the initials of mine and my husband’s names… ).
I hope you would follow me in this cyberspace: maybe this “taste” bath could fill with joy your lives!
With love, Elisabetta