lunedì 7 agosto 2017

Limits

Nei giorni scorsi ho iniziato un nuovo percorso della mia vita, che non avevo mai intrapreso finora. Complice il brutto momento che ho vissuto, qualche mese fa mi sono appoggiata ad una psicoterapeuta. A volte è molto difficile dire che si ha bisogno di questo tipo d’aiuto, forse perché i nostri pregiudizi ci portano a pensare che quando si va dallo psicologo allora automaticamente si è matti. Per mia esperienza, e partendo dal presupposto che non sono assolutamente matta, parlare con queste figure ti permette di entrare davvero in contatto con la tua parte più nascosta. Come riescono a farlo? Ascoltandoti. Ma ascoltandoti per davvero. Diciamo che è come se si dialogasse ad alta voce con sé stessi. Il bello è proprio questo: quante persone di quelle che ci circondano sono davvero capaci di ascoltarci quando parliamo? Credo quasi nessuna. Perché la vita che viviamo, sempre più frenetica, sempre più ricca d’aspettative, sempre più bombardata di modelli ideali (e probabilmente irraggiungibili), crea una sorta di distacco fra le persone, distacco che si traduce in una sempre maggior tendenza a pensare quasi esclusivamente a sé stessi. Ecco, io arrivo dalla sponda opposta del fiume, quella delle persone che, in un modo o nell’altro, hanno sempre pensato agli altri, anteponendoli alla propria felicità. La nuova consapevolezza che sto acquistando rispetto a me stessa, però, mi ha portato a sentire la necessità di liberarmi. Liberarmi dei miei modi impostati (almeno in parte), liberarmi di molte paure, liberarmi di qualche limite. Liberarmi da una serie di tabù, acquisiti o indotti. I limiti d’ora in avanti saranno meno e, se ci saranno, vedremo di affrontarli con coraggio…

In the past few days, it’s started a new era in my life, never known before. Thanks to the bad moment I lived, some months ago I went to a personal therapist. Sometimes it’s difficult saying you need this kind of help, because you usually link it to a mental disease. In my experience, considering that I’m not mad, talking with these specialists help you to get in contact with your inner part, often hidden. How can they do this? Simply listening. And listening for real. Actually, it’s like you were talking with yourself. And the fantastic thing is this: how many people are really able to listen to you when you’re talking? I think almost no one. Because the life is always more chaotic, too full of unrealistic expectations, with many unattainable models, so it creates a sort of distance between people, that are always more concentrated on themselves. Well, I literally came from the other side, because I’ve always taken care of others before thinking about me. Now I have a different self-awareness, so I really need to set me free. No more perfect manners (at least in some cases). No more fears. No more limits. No more taboos, absorbed or generated. My limits will be less and, when they’ll happen, I’ll face them with bravery…

Dress: H&M
Shoes: Mengotti

MUSIC: Everglow, Coldplay
INSPIRATION: Se non scegli un sogno, sarà un sogno a scegliere te (Unknown)

Nessun commento:

Posta un commento